Boris e lo strano caso del maiale giallo
  
Share this book    

Ironici, contemporanei e profondi, i racconti di Manuela Iannetti sono fotogrammi di quotidianità, sguardi taglienti su realtà che non si fatica a riconoscere. Tra burocrazia e treni, lavatrici automatiche e caserme, le parole che scorrono veloci ci guidano in un viaggio che celebra la vita celata tra le pieghe dei giorni, alla scoperta di sensazioni e sentimenti privati e universali: l’empatia tra sconosciuti, la leggerezza della casualità, il dolore nero della malattia, della violenza, del carcere, il potere liberatorio della felicità. Pennellate di agrodolce per sorridere e ridere, commuoverci e riflettere, scoprendo nervi sensibili sotto la pelle di ognuno, per poi tornare a rilassarsi di nuovo, perché, senza che il lettore si accorga di aver finito i racconti, la chiusa è volontariamente sul sorriso. Siamo noi ad avere la possibilità di dare peso alle cose che ci succedono, noi che scegliamo a quale istantanea dare il senso di ricordo. Sì, quest'opera è un album di istantanee, ecco cosa.


Indice delle tracce:

01 Sportello 12
02 Boris o lo strano caso del maiale giallo
03 Ventitré e trentasette
04 Unoenovanta
05 Tango, amore, cacio e pepe
06 Perso ma non battuto
07 Di giunchi e ginestre
08 L'abitudine arriva sempre puntuale
09 La prima volta che sono morto
10 48 passi quadrati
11 Due scarpe non fanno un paio
12 L’ultimo caffè
13 Quadri urbani
14 Prima entrò il rumore della strada
15 È peccato!

Contenuto: Boris e lo strano caso del maiale giallo
 

Show more